giovedì 20 novembre 2014

WHOLE SPAGHETTI WITH PECORINO AND TARRAGON - SPAGHETTI INTEGRALI CON PECORINO E DRAGONCELLO


Ingredients for 4 people: 
320 grams of whole wheat spaghetti
2 teaspoons dried tarragon
40 grams of grated pecorino cheese
oil, salt, pepper

preparation: 
Boil the spaghetti. Keep in mind that whole wheat pasta is very tough to cook then treated with attention the exact time when to turn off the stove and drain. However, keep a ladle of hot water because you will need it later. Now you have the pasta cooked al dente in a bowl then pour into a nice little grated pecorino cheese and "risottate" with the ladle of hot water with the aid of 2 spoons and stirring quickly. Sprinkle with cheese and then further tarragon, salt and pepper and serve hot.



Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di spaghetti integrali
2 cucchiaini di dragoncello essiccato
40 grammi di pecorino grattugiato
olio, sale, pepe

Preparazione:
Mettete a bollire gli spaghetti. Tenete presente che la pasta integrale è molto tenace da cuocere quindi curate con attenzione il tempo esatto in cui spegnere il fornello e scolarla. Tenete comunque un mestolino di acqua calda perchè vi servirà successivamente. Disponete adesso la pasta cotta al dente in un piatto fondo poi versate all'interno un bel poco di pecorino grattugiato e "risottate" con il mestolo di acqua calda aiutandovi con 2 cucchiai e mescolando velocemente. Cospargete quindi ulteriormente di formaggio e dragoncello, salate pepate e servite calda.

SOUP OF LEEKS WITH RAW HAM AND CHIPS OF PARMESAN - ZUPPA DI PORRI CON PROSCIUTTO CRUDO E CHIPS DI PARMIGIANO



Ingredients for 4 persons:
4 leeks Cervere
1 potato
1 shallot
400 ml vegetable stock
200 ml of milk
fresh parsley
70 grams of ham
90 grams of grated Parmesan cheese

preparation:
Wash and clean the leeks and shallots . Put them under running water , drain and let them dry then put them in a pan with butter and oil in a crock pot on high enough .
In the meantime, bring the oven to 70 degrees and place the slices of ham and parmesan cheese on a baking tray covered with greaseproof paper, for about 15 minutes .
At this point, back on the pan and add the parsley and potatoes peeled and cut into dice. Add the broth and milk and cook over low heat with the lid on for about 40 minutes .
Once the cooking time let cool slightly then blend it all with an immersion blender .
Then place the cream to a bowl and garnish with slices of ham and parmesan become rigid .
Enjoy with a white wine DOC Parrina .



Ingredienti per 4 persone:
4 porri di Cervere
1 patata
1 scalogno
400 ml di brodo vegetale
200 ml di latte
prezzemolo fresco
70 grammi di prosciutto crudo
90 grammi di parmigiano grattugiato

Preparazione:
Lavate e mondate i porri e lo scalogno. Metteteli sotto l'acqua corrente, scolateli fateli asciugare e poi metteteli a soffriggere con burro e olio in una pentola in coccio abbastanza alta.
Nel frattempo portate il forno a 70 gradi e disponete le fette di prosciutto e il parmigiano grattugiato su una leccarda, coperta con della carta forno, per 15 minuti circa.
A questo punto ritornate sulla pentola e aggiungete il prezzemolo e le patate sbucciate e tagliate a dadi. Aggiungete il brodo e il latte e cuocete a fiamma bassa e con il coperchio per 40 minuti circa.
Terminato il tempo di cottura fate raffreddare leggermente poi frullate il tutto con un frullatore ad immersione.
Disponete quindi la crema su un piatto fondo decorando con le fette di prosciutto ormai rigide e il parmigiano.
Gustate con un vino bianco Parrina DOC.

POLENTA TARAGNA WITH MORBIER AND STRACCHINO CHEESE - POLENTA TARAGNA CON FORMAGGIO MORBIER E STRACCHINO


Taragna polenta is a type of polenta made with two types of flour: corn and buckwheat. Typical of the Bergamo valleys has an extreme successful also in other regions of northern Italy. The flavor is still strong at which one we must get used! I accompanied it with the French Morbier cheese and Stracchino lombard cheese. A real treat! :))

Ingredients for 4/6 persons:
300 grams of maize flour type "foil"
200 grams of buckwheat flour
2.5 liters of water
200 ml of milk
60 grams of butter
100 grams of cheese stracchino
100 grams of cheese Morbier
salt

preparation:
Take a bowl and mix the two flours together before sifting them.


In a pot, put cold water, turn on the stove and bring to a boil.
As soon as bubbles pour the mix of the two flours at "rain" and turn right trying not to make lumps and detach the polenta that is formed on the edges.


Cook this for about 50 minutes, then add the milk and butter and continue to cook for another 10/15 minutes.
In terracotta single serving bowls put (evenly distributed) the two cheeses.


 Pour the hot polenta cooked inside now and enjoy it all!



La polenta taragna è un tipo di polenta fatta con 2 tipi di farina:  di mais e di grano saraceno. Tipica delle valli bergamasche riscuote un discreto successo anche in tutte le altre regioni del nord Italia. Il sapore è comunque deciso e bisogna abituarsi! La ho accompagnata al formaggio francese Morbier e al Lombardo stracchino. Una vera delizia!:))

Ingredienti per 4 / 6  persone:
300 grammi di farina di mais tipo "fioretto"
200 grammi di farina di grano saraceno
2,5 litri di acqua
200 ml di latte
60 grammi di burro
100 grammi di formaggio stracchino
100 grammi di formaggio Morbier
sale

Preparazione:
Prendete un piatto e mescolate le 2 farine insieme setacciandole prima.
In una pentola mettete l'acqua fredda, accendete il fornello e portate ad ebollizione.
Non appena bolle versate il mix delle 2 farine a "pioggia" e girate bene cercando di non fare grumi e di staccare la polenta che si forma sui bordi.
Cuocete in questo modo per circa 50 minuti, quindi aggiungete il latte e il burro e continuate a cuocere per altri 10 / 15 minuti.
In ciotoline in terracotta mono porzione mettete (equamente distribuiti) i 2 formaggi. Versate la polenta calda ormai cotta all'interno e gustate il tutto!

NEBBIOLO OF ALBA - PIEDMONT - RED WINE - ITALY

Production area: Alba, Canale, Piobesi, La Morra, Roddi, Santa Vittoria d'Alba.
Carattteristiche techniques
Color: ruby red when young, tending to garnet with age
Aroma: Very delicate with hints of raspberries
Taste: Dry, full-bodied justly, fairly tannic
Alcohol: 12
Vine: Nebbiolo grapes 100%
Types: Dry and sparkling wine
Serving temperature: 17/18 degrees around
Aging: The protocol indicates in 1 year mandatory aging. The perfect ripeness is reached to 2 years.
Food pairings:
Roasted, boiled, hard cheese.



Considerations:
About the importance of this wine you could talk for hours. There are different types of Nebbiolo some more important than others, but the quality and flavor in it are of great value.
He takes the name of Nebbiolo as the harvest is late in mid-October, with the beginning of the mists precisely.
The vines are all aimed at noon and then acquire the heat all day.
The difficulty in the construction of this wine is in the production of the cluster that requires a large amount of work and quality of the diffusion of the branches of the screw to be "withdrawn" with frequency.




Some information on the area:
ALBA:
City of the same name won, geographically located in a basin on the right bank of the river Tanaro. Distant about 60 km from Turin.
Gastronomically is an important and fundamental of the province of Cuneo and the Piedmont region; it is here that you hold events of some significance such as the white truffle fair and Vinum.

Particular of the Cathedral of San Lorenzo.


Area di produzione: Alba, Canale, Piobesi, La Morra, Roddi, Santa Vittoria d'Alba.
Carattteristiche tecniche
Colore: rosso rubino se novello, tendente al granato se invecchiato
Profumo: Molto delicato con sentore di lamponi 
Sapore: Secco, giustamente corposo, abbastanza tannico
Gradi alcolici: 12
Vitigno: uve Nebbiolo in purezza al 100%
Tipologie: Secco e spumante
Temperatura di servizio: 17 / 18 gradi circa
Invecchiamento: Il protocollo indica in 1 anno l'invecchiamento obbligatorio. La maturazione perfetta si raggiunge verso i 2 anni.
Abbinamenti con i cibi:
Arrosti, bolliti, formaggi molto stagionati.

Considerazioni:
Circa l'importanza di questo vino si potrebbe conversare per ore. Esistono diversi tipi di Nebbiolo alcuni più importanti altri meno, ma la qualità e le proprietà organolettiche in esso contenute sono di gran valore.
Assume il nome di Nebbiolo in quanto la raccolta avviene tardivamente verso la metà di ottobre, con l'inizio delle nebbie appunto.
I vitigni sono rivolti tutti a mezzogiorno ed acquisiscono quindi calore durante tutto il giorno.
La difficoltà nella costruzione di questo vino sta nella produzione del grappolo che richiede una grande quantità e qualità di lavoro vista la diffusione dei rami della vite che devono essere "stralciati" con frequenza.

Alcune informazioni sul territorio:
ALBA:
Città del omonimo palio, sorge geograficamente in una conca posta sulla riva destra del fiume Tanaro. Distante 60 chilometri circa dal capoluogo piemontese.
Gastronomicamente rappresenta un punto importante e fondamentale della provincia di Cuneo e della regione Piemonte; è qui infatti che si tengono eventi di una certa rilevanza quali la fiera del tartufo bianco e Vinum.




CARIGNANO DEL SULCIS - CARBONIA - ITALY



Wine produced in the territory of Sulcis and affects areas of 17 municipalities, virtually everyone in the province of Cagliari.
Ruby red in color and the color intense aroma, fruity and dry.
The minimum alcohol content is 12 degrees.
The grapes used are 85% more Carignano all other local red grapes.
There are three types of Carignano: Novello, the Rosato and Raisin.
As for qualifications, the Superior must undergo two years of minimum age and must have a minimum alcohol content of 13% volume. For the Reserve, however, that the maturation period of the Superior but with a minimum alcohol content of 12.5% ​​volume.
The service temperature must be between 17 and 20 degrees.
It goes perfectly with lamb, goat and Sardinian pecorino cheese.


Some information about the geographical area:
Carbonia, a city of about 29 000 inhabitants, is the capital of the province along with Iglesias.
Land of coal mines now unfortunately closed city became devoted to tertiary and secondary industry.
In the city of sulcis you can visit the Archaeological Museum Villa Sulcis (http://www.sardinia.net/carbonia/ital/museoarc.htm), the mine Serbariu (http://www.museodelcarbone.it/archivio_eventi.htm) and the Nuraghe Surai (http://www.sardegnacultura.it/j/v/253?s=18885&v=2&c=2488&c1=2128&t=1).
Geographically and morphologically, the area is hilly and lowland area. There are only a few mountains to another not very high as Mount Sirai and Mount Crobu.
The main event is the Summer IS Mine Festival held in August under the auspices of the City of Carbonia



Vino prodotto nel territorio del Sulcis ed interessa le aree di 17 comuni, praticamente tutti in provincia di Cagliari.
Di colore rosso rubino e dal colore profumo intenso, sapore sapido  e asciutto.
La gradazione alcolica minima è di 12 gradi.
Le uve usate sono Carignano all 85% più altre uve rosse locali.
Esistono tre tipi di Carignano: il Novello, il Rosato e il Passito.
Per quanto riguarda le qualifiche, il Superiore deve essere sottoposto a 2 anni di invecchiamento minimo e deve avere una gradazione alcolica minima di 13% volumi. Per il Riserva, invece, vale il periodo di invecchiamento del Superiore ma con una gradazione alcolica minima di 12,5% volumi.
La temperatura di servizio deve oscillare tra i 17 e i 20 gradi.
Si abbina perfettamente con agnello, capretto e pecorini sardi stagionati.



Alcune informazioni riguardanti l'area geografica:
Carbonia, città di circa 29 000 abitanti, è capoluogo dell'omonima provincia insieme a Iglesias.
Terra di miniere di carbone ormai purtroppo in disuso è diventata città votata al terziario e secondariamente all'industria.
Nella città del sulcis si possono visitare Museo Archeologico Villa Sulcis (http://www.sardinia.net/carbonia/ital/museoarc.htm), la miniera di Serbariu 
(http://www.museodelcarbone.it/archivio_eventi.htm) e il Nuraghe Surai (http://www.sardegnacultura.it/j/v/253?s=18885&v=2&c=2488&c1=2128&t=1).
Geograficamente e morfologicamente, il territorio è prevalentemente collinare e pianuroso. Esistono solo alcuni monti per altro non molto elevati come il Monte Sirai e il monte Crobu.

La manifestazione principale è il Summer IS Mine Festival che si tiene ad agosto con il patrocinio del Comune di Carbonia

SAUMUR MOUSSEUX - FRANCE

File:Bouteille Saumur.JPG

SAUMUR MOUSSEUX

Wine produced in the municipalities of Gennes, Saumur, Souloire. The grapes used are mainly Cabernet Franc and Cabernet Sauvignon as about the red. Chenin Blanc as regards the background.
The grapes are harvested at full maturity of the grapes. The crushing of the grapes is done with horizontal presses. The fermentation lasts generally 15 days in vats.
The color is light yellow. Fruity odor. Flavor balanced with good liveliness.
The service temperature of the blank should be between 9 and 10 degrees.
It goes, white, with sweet or as an aperitif.






Vino prodotto nei comuni di Gennes, Saumur, Souloire. I vitigni impiegati sono prevalentemente Cabernet franc e Cabernet Sauvignon per quanto riguardo il rosso. Chenin Blanc per quanto riguarda il bianco.
La vendemmia viene fatta a completa maturità dell'uva. La pigiatura dell'uva avviene con presse orizzontali. La fermentazione dura generalmente 15 giorni in tini.
Di colore leggero giallo paglierino. Odore fruttato. Sapore equilibrato con buona vivacità.
La temperatura di servizio del bianco deve essere tra i 9 e i 10 gradi.
Si abbina, il bianco, con dolci o come aperitivo.


BIANCOMANGIARE WITH PISTACHIOS AND MANDARINS - BIANCOMANGIARE CON PISTACCHI E MANDARINI


Ingredients for 4 puddings
400 grams of fresh whole milk
40 grams of starch for cakes
the juice of a mandarins
14 pistachios, shelled and chopped
zest of an organic lemon finely chopped
120 grams of shelled almonds
60 grams of brown sugar

preparation:
Take a pan and put in the milk with the sugar, ground almonds and sifted starch for not making lumps. Then put it on the stove over low heat, without boiling, turn constantly with a wooden spoon until it becomes very thick.
Remove from heat then add the lemon zest, mandarine juice and pistachios. Put back on the heat and continue to run for another 5 minutes. Moisten the cups dessert if you want to transform it put the cream inside. Let cool, then place in refrigerator to set for at least 3 hours. Serve with a sprinkling of cinnamon.



Ingredienti per 4 budini
400 grammi di latte intero fresco
40 grammi di amido per dolci
il succo di un mandarino
14 pistacchi di Bronte sgusciati e spezzettati 
la scorza di un limone biologico tagliata fine
120 grammi di mandorle sgusciate
60 grammi di zucchero integrale

Preparazione:
Prendete un pentolino e mettete all'interno il latte con lo zucchero, le mandorle tritate e l'amido setacciato per non fare grumi. Mettete quindi sul fornello e a fuoco basso e senza far bollire, girate continuamente con un mestolo fino a quando diventerà molto denso.
Togliete dal fuoco quindi aggiungete, la scorza del limone, il succo del mandarino e i pistacchi. Rimettete nuovamente sul fuoco e continuate a girare per altri 5 minuti. Inumidite delle coppette da dessert se volete sformarlo mettete all'interno la crema. Fate raffreddare, quindi mettete in frigo a solidificare per almeno 3 ore. Servite con una spolverata di cannella.

mercoledì 19 novembre 2014

SALAD OF DAIKON AND SONCINO SALAD WITH GRAPE'S JUICE - INSALATA DI DAIKON E SONCINO CON SUCCO D'UVA



Daikon is a Japanese root known in Asia since ancient times. His great healing properties to destory the fats and it is also rich in vitamin C. The soncino salad contains calcium and fostoro and helps to fight the fatigue. I also seasoned the whole thing with white grape juice (after removing the seeds and skins of course !!) fresh juice.

Ingredients for 4 people:
120 grams of soncino salad
80 grams of daikon
2 carrots
1 bunch (small) white grape of table
1 leek Cervere
oil, salt

preparation:
Looking for, if you can, with a little patience to peel the grapes and remove the seeds. Squeeze the grape in a blender. Sift all the juice through a sieve and keep aside.
In a bowl, place the soncino salad and daikon sliced (see photo). Cut the carrots into strips and leek slices. Pour the juice inside, 2 tablespoons of olive oil and a little salt. Mix well and serve



Il daikon è una radice giapponese conosciuta in Asia già dall'antichità. Le sue grandi proprietà benefiche aiutano a metabolizzare i lipidi e inoltre ricco di vitamina C. Il soncino contiene calcio e fostoro ed aiuta a combattere la stanchezza. Inoltre ho condito il tutto con succo di uva bianca (dopo aver tolto i semi e la buccia ovviamente!!) spremuta fresca.

Ingredienti per 4 persone:
120 grammi di soncino
80 grammi di daikon
2 carote
1 grappolo (piccolo) di uva bianca da tavola
1 porro Cervere
olio, sale

Preparazione:
Cercate, se riuscite, con un poco di pazienza a sbucciare l'uva e a togliere i semi. Spremete i chicci in un frullatore. Setacciate il tutto al colino e tenete il succo da parte.
In una ciotola mettete il soncino e il daikon tagliato a fettine (vedi foto). Tagliate la carote a listarelle e il porro a rondelle. Versate il succo all'interno, 2 cucchiai di olio e un poco di sale. Amalgamate bene il tutto e portate in tavola

DONNICI DOC - COSENZA - ITALY

Production: Cosenza, Figline, Mangone, Cellara
Technical characteristics:
Color: white with yellow straw-colored
Bouquet: fresh and pleasant
Taste: fruity, round
Degrees: 11%
Variety: Mantonico 50%
Serving temperature: 10 degrees
Maximum aging before consumption: 18 months
Type: White, red and pink
Food Type: Cakes, fish





Trivia:
In October, takes place in the charming town of Calabria, the wine festival Donnici DOC. Generally, in addition to the usual food and wine events, debates and conferences are held and oenology product in particular, and in this case



Area di produzione: Cosenza, Figline, Mangone,Cellara
Caratteristiche techniche:
Colore:bianco con riflessi giallo paglierini
Profumo: fresco e gradevole
Sapore: fruttato, rotondo
Gradi: 11 %
Vitigno: Mantonico al 50 %
Temperatura di servizio: 10 gradi
Invecchiamento massimo prima della consumazione: 18 mesi
Tipologia: Bianco, rosso e rosato
Abbinamento: Torte salate, pesce

Curiosità:
Ad ottobre si tiene, nella ridente cittadina calabrese, la sagra del vino Donnici DOC. Generalmente, oltre ai consueti eventi enogastronomici, si tengono dibatti e convegni sull'enologia e sul prodotto in particolare e nella fattispecie

VERMENTINO OF SARDEGNA DOC

Production Area: All Sardinia
Technical characteristics:
Color: white to pale yellow
Bouquet: delicate and light
Taste: Sweet with a slightly bitter aftertaste
Degrees: 10.5%
Grape variety: Vermentino to '85%
Serving temperature: 10 degrees
Maximum aging before consumption: 14 months
Match: the classic white wines like this, then fish, eggs, cheese, fish first.







Area di produzione: Tutta la Sardegna
Caratteristiche techniche:
Colore: bianco tendente al giallo paglierino
Profumo: delicato e leggero
Sapore: Amabile con leggero retrogusto amaro
Gradi: 10,5 %
Vitigno: Vermentino all' 85%
Temperatura di servizio: 10 gradi
Invecchiamento massimo prima della consumazione: 14 mesi

Abbinamento: quello classico dei vini bianchi come questo, quindi pesce, uova, formaggi, primi di pesce.

JENLAIN - FRANCE

Technical detail:
Manufacturer: Brasserie Duyck - Jenlain (France)
Alcohol: 7
Color: golden amber
Serving temperature: 7/8 degrees
Fermentation: High
Founder Felix Duyck
Foundation year of make: 1922
Bottle: 33 cl
Country: France




Description:
The beer is named after a village Jenlain in fact, located in the north of France and famous for its brewing tradition.
Considered initially as the "beer of farmers' later became commercialized in the 60s.
It is a non-pasteurized beer. It has a golden amber color reddish. The flavor is malty and cereal and the foam is very persistent.
It goes well with cheese and ham



Scheda tecnica:
Produttore: Brasserie Duyck - Jenlain (Francia)
Gradi alcolici: 7
Colore: biondo ambrato
Temperatura di servizio: 7 / 8 gradi
Fermentazione: Alta
Fondatore: Felix Duyck
Anno di fondazione della marca: 1922
Bottiglia: 33 cl
Paese: Francia

Descrizione:
La birra prende il nome da un villaggio Jenlain appunto, situato al nord della Francia e famoso per la sua tradizione birraria.
Considerata inizialmente come la " birra degli agricoltori" divenne successivamente commercializzata negli anni 60.
Si tratta di una birra non pastorizzata. Ha un colore biondo ambrato tendente al rosso. Il sapore è di malto e cereali e la schiuma è molto persistente.
Si abbina a formaggi e prosciutti

LINGUINE WITH EGGPLANTS - LINGUINE ALLE MELANZANE




Ingredients for 4 people:
320 grams of pasta type "Linguine"
300 ml of tomato sauce
1 eggplant
2 sprigs of thyme
1 tablespoon of oregano in Sicily
80 grams of pecorino
oil, salt, pepper

preparation:
Prepare the eggplant, then washing it and cutting it into small cubes. Take a colander and put them inside. Add salt to the salt and turn them so that the salt takes all the eggplants. Put on a plate with a weight in such a way that they lose all the water in vegetation and the bitter taste.
After about 1 hour, remove from the colander, wash the salt and pat dry with paper towels. Take a pan and put the tomato sauce with eggplant and thyme leaves. Cook, then cook the pasta in a pan of hot water and salt. When it is ready, drain it and put it in the pan to jump, sprinkling of oregano. Add salt and pepper and serve with shaved pecorino.



Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di pasta tipo "Linguine"
300 ml di sugo di pomodoro
1 melanzana
2 rametti di timo
1 cucchiaio di origano siciliano
80 grammi di pecorino siciliano
olio, sale, pepe

Preparazione:
Preparate la melanzana, lavandola e poi tagliandola a cubetti. Prendete uno scolapasta e mettetele dentro. Salatele con il sale grosso e giratele in modo che il sale prenda tutte le melanzane. Mettete sopra un piatto con un peso in modo tale che perdano tutta l'acqua di vegetazione e il gusto amarognolo.
Dopo circa 1 ora, toglietele dallo scolapasta, lavatele dal sale e asciugatele con della carta assorbente. Prendete una padella e mettete il sugo di pomodoro con le melanzane e le foglie di timo. Fate insaporire, quindi cuocete la pasta in una pentola di acqua calda e salata. Quando sarà pronta scolatela e mettetela in padella a saltare, cospargendo di origano. Salate pepate e servite con pecorino tagliato a scaglie.

POUILLY - FUSSE' - LOIRE - FRANCE




White wine very well known and appreciated in the world. It is produced in the towns of Pouilly (see map), and Vergisson Chaintre '. Wine and craftsmanship and for lovers of the genre. Its color is a very vibrant yellow, almost golden, deliciously fragrant and strong taste and well built. 
 Wine not sprakling, with high alcohol volumes to be a white wine but not unpleasant for the body. Serve to a temperature of 10 degrees to savor thoroughly the exceptional organoleptic taste.
To combine with seafood, fresh fishes, white meat, foie gras, cheeses.




Visualizzazione ingrandita della mappa

Vino bianco molto conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Viene prodotto nei comuni di Pouilly (vedi mappa), e Vergisson Chaintre '. Vino per gli amanti del genere. Il suo colore è un giallo paglierino, quasi dorato, profumato, fragrante e forte molto vivace e ben costruito.
Vino fermo con elevati volumi di alcool per essere un vino bianco ma non sgradevole per il corpo. Servire ad una temperatura di 10 gradi per assaporare a fondo il gusto organolettico eccezionale.
Da abbinare con frutti di mare, pesce fresco, carni bianche, foie gras, formaggi.

BECCAFICO SARDE REVISITED - SARDE A BECCAFICO RIVISITATE




I wanted to include in the original recipe even the cheese and wild fennel 2 products, typical of Sicily. I tried to make this recipe 2 times and I must say I was quite pleased with the work done. I have yet to find a balance between light sweet and sour because I think there is still something to improve.

Ingredients for 6/8 persons: 
1200 gram of fresh sardines already cleaned by the fishmonger
2 slices of cheese cheese
2 shallots
1 Sicilian lemon biological untreated
1 bunches of parsley and cilantro 1
6 sprigs of wild fennel
80 grams of salted capers
80 grams of Gaeta olives, pitted
40 grams of raisins
40 grams of pine nuts
bread crumbs, pecorino
oil, salt, pepper

Preparation: 
The main problem in the realization of this recipe is in dosing the ingredients in such a way that the food contained in it can be recognized well and that nevertheless there is balance between the flavors, savory and sweet between the components and between the perfumes in such a way that one does not prevail over the other.
Take a bowl and put in the cheese cut into small cubes, the shallots finely chopped, lemon juice, parsley, coriander and fennel finely chopped, desalted capers, olives chopped fine, raisins and pinol . Mix well, then take the sardines and place open on a table. Fill them with a bit of stuffing so take a baking sheet and lightly oil by. Arrange the stuffed sardines inside, then spray again over the juice of a lemon, a little oil and then sprinkle with bread crumbs and cheese. Bake at 200 degrees for about 20 minutes, making sure they do not burn. When cooked, make sure that the fish itself is perfectly cooked and served with a white wine Blangè Arneis.



Ho voluto inserire nella ricetta originale anche il caciocavallo e il finocchietto selvatico 2 prodotti, tipici della Sicilia. Ho provato a fare questa ricetta 2 volte e devo dire che sono stato abbastanza soddisfatto dal lavoro svolto. Devo ancora trovare un leggero equilibrio tra dolce e agro in quanto mi sembra ci sia ancora qualcosa da migliorare.

Ingredienti per 6 / 8 persone:
1200 grammi di sardine fresche già pulite dal pescivendolo
2 fette di formaggio caciocavallo
2 scalogni
1 limone di Sicilia biologico non trattato
1 mazzettino di prezzemolo e 1 di coriandolo
6 rametti di finocchietto selvatico
80 grammi di capperi sotto sale
80 grammi di olive di Gaeta denocciolate
40 grammi di uva sultanina
40 grammi di pinoli
pangrattato, pecorino
olio, sale, pepe

Preparazione:
Il problema principale nella realizzazione di questa ricetta sta nel dosare gli ingredienti in maniera tale che gli alimenti contenuti in esso possano essere riconosciuti bene e che ci sia comunque equilibrio tra i sapori, tra le componenti sapide e dolci e tra i profumi in maniera tale che uno non prevalga sull'altro.
Prendete una ciotola e mettete all'interno il caciocavallo tagliato a dadini piccoli, gli scalogi tritati finemente, il succo del limone, il prezzemolo, coriandolo e finocchietto selvatico tritato fine, i capperi desalati, le olive sminuzzate fini, l'uva sultanina e i pinoli. Amalgamate bene il tutto, quindi prendete le sardine e mettetele aperte su un tavolo. Riempitele con un pò di ripieno quindi prendete una teglia da forno e oliatela leggermente. Disponete all'interno le sardine ripiene, quindi spruzzate sopra ancora il succo di un limone, un poco di olio e quindi cospargete di pangrattato e pecorino. Infornate a 200 gradi per 20 minuti circa, facendo attenzione che non si brucino. A cottura ultimata accertatevi che il pesce stesso sia perfettamente cotto e servite con un buon vino bianco Blangè Arneis.

GNOCCHI WITH PESTO AND WALNUTS - GNOCCHI PESTO E NOCI


Ingredients for 4 people: 
320 grams of gnocchi
15 fresh walnuts in Piedmont
capers to taste
100 grams of prepared pesto previously
grated pecorino cheese
oil, salt, pepper

preparation: 
The recipe is very simple to create and easy. I wanted to combine two ingredients that I think would go well: nuts and capers.
Cook the gnocchi in a pot. When they are ready, drain them and put them always inside the pot without water with a drop of oil. Add the pesto, walnuts, finely chopped a bit of desalted capers and pecorino cheese. Turn everything well then serve very hot.



Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di gnocchi
15 noci fresche del Piemonte
capperi a piacere
100 grammi di pesto preparato precedentemente
pecorino grattugiato
olio, sale, pepe

Preparazione:
La ricetta è molto semplice da creare e veloce. Ho voluto abbinare 2 ingredienti che secondo me andavamo bene insieme: noci e capperi.
Fate cuocere in una pentola gli gnocchi. Quando saranno pronti, scolateli e metteteli sempre all'interno della pentola senza acqua con un goccio di olio. Aggiungete il pesto, le noci tritate finemente un pò di capperi desalati e il pecorino grattuggiato. Girate bene il tutto quindi servite molto caldo.

martedì 18 novembre 2014

WHOLE PASTA WITH CANNELLINI BEANS - PASTA INTEGRALE CON CANNELLINI


Ingredients for 4 people: 
320 grams of whole wheat pasta "thimbles"
150 grams of pre-cooked cannellini beans
2 stalks celery
500 ml beef broth
oil, salt, pepper

preparation: 
Make, in a clay pot, a fry with the oil, 1 chopped shallot and 2 cloves of garlic. Fry well, then add the beans, beef broth and celery cut into pieces not very big. Cook over low heat until the celery becomes soft. Then add the pasta, a couple of sprigs of fresh thyme, salt and pepper and serve when the pasta is cooked to your preferred doneness. Serve hot in the appropriate dose in terracotta bowls.


Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di  pasta integrale "ditali"
150 grammi di fagioli cannellini pre lessati
2 gambe di sedano
500 ml di brodo di manzo
olio, sale, pepe

Preparazione:
Fate, in un tegame di terracotta, un soffritto con olio, 1 scalogno tritato e 2 spicchi di aglio. Fate imbiondire bene, quindi aggiungete i fagioli, il brodo di manzo e il sedano tagliato a pezzi non molto grandi. Cuocete a fuoco basso fino a quando il sedano si sarà ammorbidito. Aggiungete quindi la pasta, un paio di rametti di timo fresco, salate, pepate e servite quando la pasta si sarà cotta al vostro grado di cottura preferito. Servite caldo nelle apposite terrine monodose in terracotta.

PIADINA WITH BAKED OMELETTE AND MORTADELLA BOLOGNA - PIADINA CON FRITTATA AL FORNO E MORTADELLA



ingredients
200 grams of dough for the " Cassoni " (see recipe under " Street food" )
50 grams of mortadella Bologna
2 eggs
grated Parmesan cheese
1 red onion
oil, salt, pepper

preparation:
A tasty idea to accomplish when it gets late . Fast, secure and practical impact , especially aesthetic .
Proceed as follows : Take the amount of mixing of the " Cassoni " request and roll it into a baking pan with a sheet of parchment paper over . Then bake at 180 degrees for 30 minutes . Then pull it out and make sure it is fully cooked . Now beat the eggs in a bowl with the onion finely chopped and put inside the Parmesan cheese . Stir well then pour into another small teglina with parchment paper soaked and squeezed inside. Then bake at 180 degrees for 30 minutes . Remove from the oven and then let cool slightly . In the meantime, take the piada , placed inside the sausage and slices of cake ( see photo) . Enjoy it with a good craft beer blonde


Ingredienti
200 grammi di impasto per i "Cassoni" (vedi ricetta alla sezione "Street food")
50 grammi di mortadella Bologna
2 uova
parmigiano grattugiato
1 cipolla rossa di Tropea
olio, sale, pepe

Preparazione:
Una gustosissima idea da realizzare quando si fa tardi. Veloce, pratica e di sicuro impatto, specie estetico. 
Procedete in questo modo: Prendete la quantità di impasto dei "cassoni" richiesta e stendetela all'interno di una teglia da forno con sopra un foglio di carta forno. Infornatela quindi a 180 gradi per 30 minuti. Tiratela quindi fuori e assicuratevi che sia perfettamente cotta. Sbattete adesso le uova in una ciotola con la cipolla tritata fine e mettete all'interno il parmigiano. Girate bene quindi versate all'interno di un'altra teglina piccola con la carta forno bagnata e strizzata all'interno. Infornate quindi a 180 gradi per altri 30 minuti. Sfornate quindi e fate raffreddare leggermente. Nel frattempo prendete la piada, sistemate all'interno la mortadella e le fette di frittata (come da foto). Gustatevelo con una buona birra artigianale bionda

lunedì 17 novembre 2014

RICH CALZONE PIZZA -- CALZONE RICCO



A "calzone" filled with with many good things! Of course not exactly light ... but it helps the spirit, body and mind! :)

Ingredients for 4 calzoni:
500 grams of flour type "0"
20 grams of yeast
200 ml of warm water
2 buffalo mozzarella
100 grams of cooked ham
50 grams of raw sausage
80 grams of smoked
oil salt

preparation
In a mixer put the flour, a pinch of salt and the yeast dissolved in warm water and mixed well. Turn on the machine mixer and then mix well to form a soft dough.
Let rise in a warm place for about 8 hours.
When you're ready, grease your hands with oil, then take the mixture and put it on a floured surface. Divide the dough into 4 pieces and fill them with pieces of buffalo mozzarella, ham, salami and smoked cheese. Can close the dough until you get a sort of "panzerotto."
Then turn on the oven and bake in oven at 240 degrees for 20 minutes.



Un "calzone" ripieno di tante cose buone! Certo non propriamente leggero...ma aiuta lo spirito, il corpo e la mente!:)

Ingredienti per 4 calzoni:
500 grammi di farina tipo "0"
20 grammi di lievito di birra
200 ml di acqua tiepida
2 mozzarelle di bufala
100 grammi di prosciutto cotto
50 grammi di salame crudo
80 grammi di scamorza affumicata
olio sale

Preparazione
In una impastatrice mettete la farina, un pizzico di sale e il lievito di birra sciolto e mescolato bene nell'acqua tiepida. Accendete la macchina impastatrice e fate amalgamare il tutto fino ad ottenere un impasto morbido.
Fate lievitare in un posto caldo per circa 8 ore.
Quando sarà pronto, ungetevi le mani con dell'olio, quindi prendete il composto e stendetelo su di una superficie infarinata. Dividete l'impasto in 4 parti e riempiteli con pezzi di mozzarella di bufala, prosciutto cotto, salame e scamorza. Richiudete bene la pasta fino ad ottenere una sorta di "panzerotto".
Accendete quindi il forno e infornate in forno caldo a 240 gradi per 20 minuti.

CONSOMME OF BOILED MEAT'S STOCK WITH CHIVES AND TARRAGON - CONSOMME DI BRODO DI MANZO CON ERBA CIPOLLINA E DRAGONCELLO


A consommé soup boiled meat really tasty and rich. I added chives to "accent" the flavor of the meat and tarragon to make it sweeter and more delicate

Ingredients for 4 people:
260 grams of rice for soups
400 ml of boiled meat broth prepared before
2 teaspoons dried chives
2 ducchiaini tarragon
oil, salt

preparation:
Take a pot and put the broth to warm slightly inside. Just before it reach the boil, add the rice and cook until the complete cook of the latter
Serve hot with chives and tarragon and if you want, even with a little grated parmesan.



Un consommè di brodo di bollito veramente saporito e ricco. Ho aggiunto dell'erba cipollina per "accentare" il sapore della carne e il dragoncello per renderlo più dolce e delicato

Ingredienti per 4 persone:
260 grammi di riso per minestre
400 ml di brodo di bollito preparato prima
2 cucchiaini di erba cipollina essiccata
2 ducchiaini di dragoncello
olio, sale

Preparazione:
Prendete una pentola e mettete il brodo a scaldare leggermente al suo interno. Un attimo prima di raggiungere il bollore, aggiungete il riso e cuocete fino a cottura completa di quest'ultimo
Servite caldo con l'erba cipollina e il dragoncello e se volete, anche con un poco di parmigiano grattugiato.

PENNE PASTA WITH ARUGULA'S PESTO - PENNE CON PESTO DI RUCOLA E MANDORLE



I wanted to create a different kind of pesto. Instead of using basil, pine nuts and pecorino cheese, I used arugula, toasted almonds and sheep cheese Swiss cheese. The result was a tasty dressing and very, very soft on the palate

Ingredients for 4 people:
300 grams of pasta like penne
2 bunches arugula is not very large
2 tablespoons of grated cheese, sheep cheese
10 blanched almonds and skinned
oil, salt

preparation:
1) Toast the almonds in a frying pan for a few minutes, being careful not to burn them.

2) Cut the stems of the rocket and wash in plenty of water. Drain and place in a blender with the almonds, the grated sheep cheese and 4 tablespoons of good olive oil. Blend thoroughly.

3) Cook the pasta in plenty of hot water. Once it is cooked, drain and place in a large bowl. Pour in the arugula pesto, turn well and serve immediately



Ho voluto creare un pesto diverso dal solito. Invece di impiegare basilico, pinoli e pecorino, ho usato rucola, mandorle tostate e formaggio sbrinz svizzero. Ne è uscito un condimento saporito e molto, molto delicato al palato

Ingredienti per 4 persone:
300 grammi di pasta tipo penne
2 mazzetti di rucola non molto grandi
2 cucchiai di formaggio sbrinz grattugiato
10 mandorle sbucciate e spellate
olio, sale

Preparazione:
1) Fate tostare le mandorle in una padella antiaderente per pochi minuti e facendo attenzione a non farle bruciare.

2) Tagliate i gambi alla rucola e lavatela in abbondante acqua. Scolatela e mettetela in un frullatore con le mandorle tostate, lo sbrinz grattugiato e 4 cucchiai di ottimo olio di oliva. Frullate bene il tutto.

3) Fate cuocere la pasta in abbondante acqua calda. Non appena sarà cotta, scolatela e mettetela in una scodella capiente. Versate all'interno il pesto di rucola, girate bene il tutto e servite subito

SAUSAGE OF BRA AND YELLOW PEPPERS WITH MOSCATO WINE - SALSICCIA DI BRA E PEPERONI GIALLI AL MOSCATO



The Bra sausage is a type of sausage made with beef. It was designed by the butchers of the charming Cunese town  for the Jewish community of Cherasco that could not eat pork. Theoretically you must eat it raw, but I wanted to cook it slightly, leaving it slightly "red" inside to enjoy the full taste "cooked / raw" the sausage itself pulls out during cooking.
Excellent peppers baked in a pan first and then flavored. The muscat sweet hills of the Langa gives it a pleasant slightly sweet and fruity sensations .... I try sooner or later in life! ;-)

Ingredients for 4 people:
300 grams of sausage Bra
2 yellow peppers to Cueno
1 yellow onion
1 clove of garlic
1 glass of muscat dessert wine with low alcohol content
1 stalk of celery
oil, salt, pepper

preparation:
Clean and cut the peppers by removing the seeds and the white inside.
Cut them into pieces not very big then arrange on a baking paper on a baking tray and cook them with the skin side up, for about 25 minutes at 180 degrees turning them occasionally so they will not burn.
When the cooking is obtained, remove them from the oven and remove the peel, which should, at this point, come off easily. Rub of garlic and let them sit for about 10 minutes.
In a pan, take a pan with the oil and onion and cook the peppers for about 10 minutes. Then add the sausage and Muscat. Let the alcohol evaporate completely without "to make get flame" and cook for just 5 minutes!
When cooked obtained serve hot with a pinch of salt and pepper



La salsiccia di Bra è un tipo di insaccato fatto con la carne di manzo. Fu ideata dai macellai della ridente cittadina cuneese per la comunità ebraica di Cherasco che non poteva mangiare maiale. Teoricamente si mangia cruda, ma io ho voluto cuocerla leggermente lasciandola leggermente "rossa" all'interno per assaporare in pieno il gusto "cotto / crudo" che la salsiccia stessa tira fuori durante la cottura.
Ottimi i peperoni cotti al forno prima e insaporiti in padella poi. Il moscato dolce delle colline della Langa gli conferisce un gradevolezza leggermente dolce e note fruttate....sono sensazioni da provare prima o poi nella vita! ;-)

Ingredienti per 4 persone:
300 grammi di salsiccia di Bra
2 peperoni gialli di Cueno
1 cipolla bionda
1 spicchio di aglio
1 bicchiere di vino moscato dolce a bassa gradazione
1 costa di sedano
olio, sale, pepe

Preparazione:
Pulite e tagliate i peperoni eliminando la parte bianca e i semi all'interno. 
Tagliateli a pezzi non molto grandi quindi disponeteli su una carta forno sopra una leccarda e fateli cuocere, con la buccia rivolta verso l'alto, per circa 25 minuti a 180 gradi girandoli ogni tanto per non farli bruciare.
A cottura ottenuta, toglieteli dal forno e togliete la buccia che dovrebbe, a questo punto, venir via facilmente. Strofinateli di aglio e fateli riposare per circa 10 minuti.
In una padella, fate un soffritto con olio e cipolla e fate cuocere i peperoni per circa 10 minuti. Unite poi la salsiccia e il moscato. Fate evaporare completamente l'alcool senza far "fiammare" e cuocete per soli 5 minuti!
A cottura ottenuta servite caldo con un pizzico di sale e di pepe

domenica 16 novembre 2014

VIDEO RECIPE OF CONCHIGLIONI ALLA PESCATORA WITH SWEET WINE SPARKLING - CONCHIGLIONI ALLA PESCATORA CON SPUMANTE DOLCE (VIDEO RICETTA)



A plate of simple execution (as you can see in the video) and very tasty. Tips and tricks about video are welcome ... (also compliments though and hope!! :))

Ingredients for 4 people:
320 grams of pasta Conchiglioni of Gragnano
100 grams of clumps or squid tentacles
4 tomatoes bunch
20 shrimp
1 clove of garlic
Half a glass of sweet sparkling wine
parsley
oil
salt

preparation:
Prepare the sauce first so as you can see in the first part of the video.
Blanch the shrimp for 10 minutes in hot water then set aside and let cool.
Wash the tufts of squid and let them dry.
Add them to the pan, put in the sweet sparkling wine and cook for about 10/15 minutes. Then add the shrimp and cook for another 10 minutes. Meanwhile, boil a pot of water and put to cook the conchiglioni. When cooked, drain obtained (slightly) and let them cook in a pan with a little cooking water. Serve hot with a pinch of parsley!



Un piatto di semplice esecuzione (da come potete vedere nel video) e molto saporito. Consigli e suggerimenti sul video sono bene accetti...(anche i complimenti però!!:))

Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di Conchiglioni pasta of Gragnano
100 grammi di  ciuffi o tentacoli di calamaro
4 pomodori grappolo
20 gamberi
1 spicchio di aglio
Mezzo bicchiere di spumante dolce
prezzemolo
Olio
Sale

Preparazione:
Preparate prima il sugo così come vedete nella prima parte del video.
Sbollentate i gamberi per 10 minuti in acqua calda poi metteteli da parte e fateli raffreddare.
Lavate i ciuffi di calamari e fateli asciugare.
Aggiungeteli nella padella, sfumateli con lo spumante dolce e cuoceteli per circa 10 / 15 minuti. Unite poi i gamberi e continuate a cuocere per altri 10 minuti. Nel frattempo fate bollire una pentola di acqua e mettete a cuocere i conchiglioni. A cottura ottenuta scolateli (leggermente) e fateli insaporire in padella con un goccio di acqua di cottura. Servite caldo con un pizzico di prezzemolo!

PASTA AND BEANS WITH DRIED BEANS AND HOT CHILI PEPPER - PASTA E FAGIOLI PICCANTE CON FAGIOLI SECCHI



A pasta and beans made in a workmanlike manner. I used dried beans and subsequently re hydrated to give the most flavor soup. As you know I also love the spicy and so I used chili (not very spicy though)

ingredients:
320 grams of pasta type thimbles
1.5 liters of vegetable broth
200 grams of dried beans borlotti
50 grams of bacon
1 clove of garlic
1 carrot
1 shallot
1 sprig of rosemary
1 red pepper (not very spicy)
oil, salt

preparation:
Put the beans in a bowl and cover with water.


 Leave them to rehydrate for about 10 hours at least.
After this time, you do a fried in a pan with olive oil, shallots and carrot.
Fry the bacon, then add the broth and beans.
Cook for about 1 hour at least stirring occasionally.
After about half an hour, add the rosemary.
Spent the time you put the pasta and chili and cook until the cooking time required the pasta.
Then served hot with a drizzle of good olive oil



Una pasta e fagioli fatta a regola d'arte. Ho usato fagioli secchi e successivamente re idratati per dare alla minestra maggior sapore. Come sapete amo anche il piccante e quindi ho usato del peperoncino (non molto piccante però)

Ingredienti:
320 grammi di pasta tipo ditali
1,5 litri di brodo vegetale
200 grammi di fagioli secchi borlotti
50 grammi di pancetta affumicata
1 spicchio di aglio
1 carota
1 scalogno
1 rametto di rosmarino
1 peperoncino (non molto piccante)
olio, sale

Preparazione:
Mettete i fagioli in una ciotola e copriteli di acqua. Lasciateli a reidratarsi per circa 10 ore almeno.
Passato il tempo, fate un soffritto in una pentola con olio, scalogno e carota. 
Fate soffriggere la pancetta poi aggiungete il brodo e i fagioli. 
Cuocete per circa 1 ora almeno girando ogni tanto.
Dopo circa mezz'ora aggiungete il rosmarino.
Trascorsa l'ora mettete la pasta e il peperoncino e cuocete fino al tempo di cottura richiesto della pasta stessa. 
Servite quindi caldo con un filo di ottimo olio extravergine di oliva.


sabato 15 novembre 2014

BASMATI RICE WITH TURMERIC AND ZUCCHINI - RISO BASMATI CON CURCUMA E ZUCCHINI


Ingredients for 4 people 

320 grams of Basmati rice
320 ml of water
2 teaspoons full of turmeric
4 zucchini
1 yellow onion
oil, salt, pepper

preparation: 
Wash thoroughly the rice under water in such a way to make him lose the last residue of starch content in it.
Let it drain and then put it in a pot with the same amount of water indicated. Boil then cook until it has absorbed virtually all the water. In a skillet cook the zucchini instead with the sliced ​​onion and a drizzle of oil.
When the rice is ready, drain it and put it back into the pan with the turmeric and 2 tablespoons of warm water. Turn everything well and serve with the zucchini and sprinkle with powdered ginger. Keep in mind that 2 teaspoons of turmeric rice with this amount of dye all of the orange / red rice itself, not yellow!


Ingredienti per 4 persone

320 grammi di riso Basmati
320 ml di acqua 
2 cucchiaini pieno di curcuma
4 zucchine
1 cipolla bionda
olio, sale, pepe

Preparazione:
Lavate abbondantemente il riso sotto l'acqua in maniera tale da fargli perdere l'ultimo residuo di amido contenuto in esso.
Fatelo scolare quindi mettetelo in una pentola con lo stesso quantitativo di acqua indicato. Fate bollire e cuocetelo fino a quando non avrà assorbito praticamente tutta l'acqua. In una padella invece fate cuocere le zucchine con la cipolla tagliata a fettine e un filo di olio. 


Quando il riso sarà pronto, scolatelo e mettetelo nuovamente nella padella con la curcuma e 2 cucchiai di acqua calda. Girate bene il tutto e servite con le zucchine e una spolverata di zenzero in polvere. Tenete presente che 2 cucchiaini di curcuma con questa quantità di riso tingerà il tutto di arancio / rosso il riso stesso e non di giallo!

ROLLS OF SALMON WITH STRACCHINO CHEESE, GREEK YOGURT AND CERVERE'S LEEKS - INVOLTINI DI SALMONE CON STRACCHINO, YOGURT E PORRI



A starter not exactly light but very tasty. I also used the greek yogurt I added the stracchino cheese to give more softness and creaminess.

Ingredients for 4 people:
200 grams of Scottish salmon
80 grams of stracchino cheese soft
40 grams of greek yogurt light
1 teaspoon of brown sugar
half a leek Cervere
oil, salt, balsamic vinegar

preparation:
Gently clean the medium leek and cut it into small pieces.
In a small bowl, add the yogurt and stracchino cheese with a teaspoon of sugar. Mix well.
Take the salmon slices, place them on a flat surface and then put on the mixture of yogurt and stracchino cheese. Place a few pieces of leek and close everything. Lightly oil, salt and add a dash of balsamic vinegar.



Un antipasto non propriamente leggero ma molto saporito. Ho usato anche dello yogurt greco che ho aggiunto allo stracchino per dare maggiore morbidezza e cremosità.

Ingredienti per 4 persone:
200 grammi di salmone scozzese
80 grammi di stracchino morbido
40 grammi di yogurt greco light
1 cucchiaino di zucchero integrale
mezzo porro Cervere
olio, sale, aceto balsamico

Preparazione:
Pulite con attenzione il mezzo porro e tagliatelo a pezzi piccoli. 
In una ciotolina, unite lo stracchino con lo yogurt e il cucchiaino di zucchero. Amalgamate bene il tutto.
Prendete le fette di salmone, disponetele su di un piano quindi mettete sopra il composto di yogurt e stracchino. Inserite alcuni pezzi di porro e richiudete il tutto. Oliate leggermente, salate e aggiungete un goccio di aceto balsamico.

FILLED COOKIES WITH FIGS JAM AND ALMONDS - BISCOTTI RIPIENI CON MARMELLATA DI FICHI E MANDORLE



Ingredients

For the dough:
600 grams of flour
5 organic eggs
140 grams of granulated sugar
280 grams butter, softened

For the filling
300 grams of homemade fig jam
30 almonds, blanched
20 sultanas

preparation
Begin preparing the dough. Put all the ingredients in a large bowl and then with your hands mix well until the mixture is smooth, elastic and very consistent.
Put it in the fridge now covering it with a cloth and let rest for about 1 hour.

Chop the sultanas and almonds and mix them with fig compote turning everything well.

We prepare the pastry for biscuits. Pull it out of the fridge and roll it out with a rolling pin. With the help of a pastry cutter cut into many small circles. Put in a tablespoon of the mixture of fig jam and chopped almonds and raisins, then brushing the bottom with beaten egg cover with another disc.

Pressed well so close it well and let the air out as possible. Then bake at 180 degrees for 20 minutes in the "pastry" (my oven has an option to use this mode for baking cakes).
Remove from the oven and then let cool. Sprinkle with icing sugar and leave to stand for about 30 minutes. You can enjoy them with a good tea jasmine even at room temperature



Ingredienti 

Per l'impasto:
600 grammi di farina
5 uova biologiche
140 grammi di zucchero semolato
280 grammi di burro ammorbidito

Per il ripieno
300 grammi di marmellata di fichi fatta in casa 
30 mandorle, spellate
20 uve sultanine

Preparazione
Cominciate preparando l'impasto. Mettete tutti gli ingredienti all'interno di una ciotola capiente e poi con le mani amalgamate bene il tutto fino ad ottenere un composto morbido, elastico e molto consistente.
Mettetelo adesso in frigo coprendolo con un canovaccio e fatelo riposare per circa 1 ora.

Tritate le uve sultanine con le mandorle e amalgamatele alla composta di fichi girando bene il tutto.

Prepariamo la frolla per i biscotti. Tiratela fuori dal frigo e stendetela con un mattarello. Aiutandovi con un coppapasta  tagliate tanti piccoli cerchi. Mettete all'interno un cucchiaio abbondante di composto di marmellata di fichi e mandorle e uvette tritate, poi pennellando la parte inferiore con l'uovo battuto coprite il tutto con un altro disco.

Pressate bene in modo da siglillarlo bene e cercate di fare uscire l'aria il più possibile. Infornate quindi a 180 gradi per 20 minuti in modalità "pasticceria" (il mio forno ha un opzione che permette di usare questa modalità per cuocere i dolci). 
Sfornateli quindi e fateli raffreddare. Cospargeteli di zucchero vanigliato e lasciateli riposare per circa 30 minuti. Potete gustarli con un buon tea al gelsomino anche a temperatura ambiente

GNOCCHI WITH FONDUE OF GRUVYERE AND SBRINZ - GNOCCHI CON GROVIERA E SBRINZ




Ingredients for 4 people:
320 grams of potato gnocchi
60 grams of butter
100 grams of cheese gruveyre
40 grams of cheese Sbrinz
40 ml of milk
Salt, pepper green.

Preparation.
Melt the butter in a double boiler with the milk, and cheese gruvyere and the seasoned Sbrinz's crumbs. 


Turn and mix well. When everything is homogenized at this point add the salt and a sprinkling of green pepper (just, I highly recommend, as it is strong enough and could be annoying).
Now put the water to boil for the gnocchi.
When they are ready, drain them and put them in the pot. Pour over the melted cheese and serve hot.



Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di gnocchi di patate
60 grammi di burro
100 grammi di formaggio gruveyre
40 grammi di formaggio Sbrinz
40 ml di latte
Sale, pepe verde.

Preparazione. 
Fate sciogliere a bagnomaria il burro con il latte, la gruvyere e il  formaggio Sbrinz stagionato grattato. Girate e amalgamate bene il tutto. Quando tutto si sarà a questo punto omogeneizzato aggiungete il sale e una grattata di pepe verde (poco, mi raccomando, in quanto è abbastanza forte e potrebbe dare fastidio).
Mettete adesso l'acqua a bollire per gli gnocchi.
Quando saranno pronti, scolateli e metteteli nel piatto. Versate sopra la fonduta e servite caldo.

venerdì 14 novembre 2014

AGNOLOTTI "CARMAGNOLA - CERVERE" - AGNOLOTTI ALLA "CARMAGNOLA - CERVERE"


Excellent agnolotti stuffed with braised fresh (my favorite) with a sauce of butter, leeks and red pepper in Carmagnola.

Ingredients for 4 people:
320 grams of agnolotti stuffed with braised
1 leek Cervere
1 red pepper Carmagnola
1 glass of milk
30 grams of butter
30 grams of grated cheese Valgrana
salt and pepper

preparation
Clean, wash and cut the pepper into strips.
Do blanch in boiling water for about 15 minutes, then drain, remove skin and let it dry.
Take a pan and after washing the leeks and cut into slices, cook them in a glass of milk with the butter for about 20 minutes.
Transfer in a pan  the leeks and the peppers
Cook the ravioli in plenty of hot water, then drain them and let them cook in the pan with the sauce. Add the grated cheese, "stir" slightly then serve hot


Degli ottimi agnolotti ripieni al brasato freschissimi (i miei preferiti) con un condimento di burro, porri stufati e peperone rosso di Carmagnola.

Ingredienti per 4 persone:
320 grammi di agnolotti ripieni al brasato 
1 porro Cervere
1 peperone rosso di Carmagnola
1 bicchiere di latte
30 grammi di burro
30 grammi di formaggio Valgrana grattugiato
sale, pepe

Preparazione
Pulite, lavate e tagliate a listarelle il peperone. 
Fatelo sbollentare in acqua bollente per circa 15 minuti, poi scolatelo fatelo asciugare e pelatelo. 
Prendete una pentolino e dopo aver lavato e tagliato i porri a rondelle, fateli cuocere in un bicchiere di latte con il burro per circa 20 minuti. 
Trasferite in una padella sia i peperoni che i porri
Cuocete gli agnolotti in abbondante acqua calda poi scolateli e fateli insaporire nella padella con il condimento. Aggiungete il formaggio grattugiato, "mantecate" leggermente poi servite caldo

SOUP OF RICE WITH CERVERE'S LEEKS, MILK AND POTATOES - MINESTRA DI RISO CON PORRO CERVERE, LATTE E PATATE


A dish, rice, potatoes and milk widespread in the Occitane valleys and not only. Originally "poor course" but full of flavor. The leek Cervere used by me, gives it the right balance.

Ingredients for 4 people:
300 grams of rice for soups
1 leek Cervere
2 potatoes
20 grams of butter
oil, salt
half a liter of milk

Preparation
Take a pan with the oil, butter and leek. When golden brown, add the diced potatoes and latte.Cuocete for about 15 minutes then add the rice and cook until cooked perfect (read the time required on the packaging of rice). Serve by adding, if you will, of the grated cheese.



Un piatto, riso, patate e latte molto diffuso nelle vallate Occitane e non solo. Di origini "povere" ma ricco di sapore. Il porro Cervere da me usato, gli conferisce il giusto equilibrio.

Ingredienti per 4 persone:
300 grammi di riso per minestre
1 porro Cervere
2 patate
20 grammi di burro
olio, sale
mezzo litro di latte

Preparazione
Fate un soffritto con olio, burro e porro. Quando si sarà dorato aggiungete le patate a dadini e il latte.Cuocete per 15 minuti circa quindi unite il riso e cuocete fino a cottura ottimale (leggete il tempo richiesto sulla confezione del riso). Servite aggiungendo, se volete, del formaggio grattugiato.

SEMI WHOLE MARCHIGIANAN CRESCIA - CRESCIA MARCHIGIANA SEMI INTEGRALE



Crescia Marche is distinguished from other leavened as it has the distinction of being cooked on the "text" ( a hearthstone) and have incorporated the eggs to the mixture . I wanted to try to make this recipe a little more "light" so I excluded the egg. Goodness is always guaranteed !

Ingredients for 4/6 persons:
250 grams of wheat flour
210 grams of flour type 0
320 grams of warm water
15 grams of yeast
1 teaspoon salt

For the filling
1 leek
150 grams of bacon
150 grams of Gorgonzola

preparation:
Put all the ingredients in a mixer . Knead for about 15 minutes then left to stand for 5 hours, always within two revolutions , the compound ( bread machines generally have " heating " of the dough automatic) . After this time remove it from the car and arrange on a baking sheet with parchment paper oiled . Roll out and bucherellatela with your fingers. So, place to rest for a ' more hours at least . Then bake at 200 degrees for 20 minutes taking care not to burn. Remove from the oven , cut a slice and fill it with bacon, leek and gorgonzola cheese , put in oven for 5 minutes ... and bon appetit ! :)



La crescia marchigiana si distingue dagli altri lievitati in quanto ha la peculiarità di essere cotta sul "testo" (una pietra refrattaria) e di avere le uova incorporate all'impasto.  Ho voluto provare a fare questa ricetta un pò piu "light" quindi ho escluso l'uovo. La bontà è comunque assicurata!

Ingredienti per 4 / 6 persone:
250 grammi di farina integrale
210 grammi di farina tipo 0
320 grammi di acqua tiepida
15 grammi di lievito di birra
1 cucchiaino di sale

Per il ripieno

1 porro
150 grammi di speck
150 grammi di gorgonzola

Preparazione:
Mettete in un'impastatrice tutti gli ingredienti necessari. Impastate per circa 15 minuti poi lasciate a riposare per 5 ore, sempre all'interno dell'impastatrice, il composto (le macchine del pane hanno generalmente "il riscaldamento" dell'impasto automatico). Passato il tempo toglietela dalla macchina e disponetela su una teglia con della carta da forno oliata. Stendetela e bucherellatela con le dita. Mettete quindi a riposare per un 'altra ora almeno. Infornate poi a 200 gradi per 20 minuti facendo attenzione che non bruci. Sfornate, tagliate una fetta e riempitela con speck, porro e gorgonzola; rimettete in forno per 5 minuti...e buon appetito!!:)

SUNDAY NOVEMBER 9, 2014 CONFERENCE "HOW TO RELAUNCHING THE ECONOMY OF OUR LAND"


Sunday, November 9, was held at the council hall of the town of Cervere, the debate "How to boost the economy of our country," moderated by Professor Beppe Ghisolfi, Vice President of ABI and distinguished journalist.
Opens the discussion Professor himself who, after some preliminaries, go to thank the Mayor of Cervere, Mr. Corrado Marchisio both for the invitation to work, and for having conceived and promoted the debate.
The mayor himself went then to remember what has been and what are the current issues not only economic but also employment of reality Cuneo and possible solutions to the difficulties to which we are going.

When done, Prof. Ghisolfi starts introducing guests, audience of the defendant except for the occasion. Many of a certain level just the speakers,

Opened the meeting Dr. Quaglia, Director of Unicredit, emphasizing the differences between the situations in the 80s and 90s and current stressing the need for agricultural development and thus economic territory in order to get out of this situation of general crisis, no longer in faso stall, but unfortunately beaten.
Fundamental cooperation between the number of productive resources and human resources and the institutions necessary to set goals, work together and take action.

Below, spoke to Professor Joseph Tardivo, professor at the Faculty of Economics and Business, University of Turin, who went on to explain how the crisis evolved in recent years from economic production.
He pointed out that the unemployment rate involves many of the citizens of the province not only of a certain age, but especially for young people.
The possible solution to the Professor would be to renew and look forward aiming at the need to exploit niche areas such as excellent food as the Leek Cervere, in fact, boost up production and involvement with the banking foundations.

It then passes the baton to Dr. Zorgnotti that, as a business journalist asks a question on MEP. Alberto Cirio, "What can Europe do to end the crisis?"
Dr. Alberto Cirio, responds strongly emphasizing the need to apply for funding for agriculture in a timely manner and without wasting more time. He reminded the audience that Wednesday, November 12 in Brussels would organize a meeting with the mayors of Granda to decide the strategies to be implemented to be able to get this much longed funds.

Pier Maria Toselli founder of Telecupole leads the virtuous example of this station, the only one who has never had any problems with the crisis and to have had the ability and the courage to innovate efforts aimed collaborating with new channels both Italian and French.

Dr. Franco Biraghi, president of Confindustria Cuneo states the need to take a step back looking at the mistakes made in the past and would seek to remedy this by reducing bureaucracy and taxation wild that tends to destroy jobs.

Speaker then the Regional counselor Dr. Franco Graglia recalling the heavy and difficult financial situation and the difficulty in finding quick solutions. The Presidency Chiamparino will have to take action soon, unfortunately, at the level of taxation to try to stem the economic instability that currently seems to imprison the Piedmont.
Of crucial importance, said Graglia, do group towards a solution.

Towards the middle of the debate was also attended Rossetto which gave importance to positive territory as created by the ability to interact with other regions, the strong connection to the land and the character or quality of the products.
Identify 2 ways out of the crisis:
1) Less bureaucracy
2) Less control "is not checked each other" and actions that create confusion rather than the solution.

Spoke at the end of the conference, Dr. Giandomenico Genta, representative of the Fondazione CRT that allows for the funding of the enterprise funds increased from 120 million to "only" 40 in a few years and then "being covered now short" you can not meet the demands of everyone.
The possible solution is to simplify the way we do business and the need for its products sell well abroad, make them known and enhancing it.

Giorgio Bergesio, president of the Consortium of Leek, said the seriousness of the Protocol with regard to the processing leek and commitment that each producer provides for it.
For him you still need a key intervention by the government and institutions all out of this great crisis.

Close then the work Dr. Quaglia which defines the solution in 3 aims:
1) To say more than talk.
2) Use "we" instead of "I".
3) Getting more than winning.
Finally, to highlight the reliability and practicality of Cuneo, cites Giovanni Giolitti reporting an incident during a conference held at the time when the statesman, responding to a reporter, said, "When we say we stop Cuneo, also stop speak. "